Buonumore resistente

Scritto da Panzallaria   // 22 maggio 2012   // 9 Commenti

IMG_2771 Sono tempi che c'è bisogno di buon umore resistente! [la foto è stata scattata ad aprile, da casa mia. Un meraviglioso doppio arcobaleno su Bologna]

Difficile mantenere il buon umore e la voglia di sorridere in tempi bui come questo. Prima scoppia una bomba davanti a una scuola, dove tutti dovrebbero sentirsi protetti e sicuri con l’unica preoccupazione dell’interrogazione di matematica, poi di notte ti svegli con il cuore in gola, mentre il letto balla e balla e appena acquisti un po’ di lucidità ti rendi conto che deve essere un fottuto e forte terremoto quello che riesce a spostare il talamo di due obesi.

Non fai in tempo a realizzare, mentre il lampadario oscilla pesantemente e un boato lascia lo spazio a mille pensieri tra l’onirico e l’angoscioso che è tutto passato e ti rendi conto che se ti fosse crollata la casa in testa, in un attimo saresti morto senza nemmeno capire perché.

E mentre una giornata si trasforma in un tagadà, pensi con apprensione a chi vive a pochi chilometri e ora dorme in una tenda, a quella chiesa, a quel campanile emiliano che non esiste più. Ogni rumore e ogni scossa, che quando arriva un terremoto non è mica un punto solo, ma è un ballo lento e continuo, ti fanno venire la pelle d’oca e guardi twitter e guardi il tg, per sentire che non è successo nulla di grave a nessuno.

Difficile mantenere il buon umore, tra crisi, tasse – minchia quante tasse devo pagare! – lavoro da cercare, lavoro da fare, cose da comprare, vacanze da annullare, conti da sistemare, piccole cose da incastrare, brutte notizie e cose del genere.

Eppure BISOGNA.

Bisogna resistere con gioia. Bisogna cercare la voglia e la passione per fare cose.

La politica ci toglie la speranza nel futuro? CAZZO, riprendiamocela!

Cerchiamo in fondo a noi stessi e troviamo il lavoro che vogliamo fare, i libri da leggere, le follie che ci faranno sentire vivi e vegeti.

Facciamo quel che ci fa stare bene e facciamolo con gioia, con protervia e sognando!

La vita è breve: ogni giorno qualcuno o qualcosa ce lo insegna. Possiamo scegliere di viverla trascinandoci verso la morte – che tanto prima o poi arriva per tutti – o possiamo scegliere di andare incontro al destino sorridendo, facendo quello che ci piace e cercando di essere persone vigili e resistenti.

Io di esempi meravigliosi ne ho di fronte ogni momento, sarà per questo che non voglio cedere al pessimismo, sarà per questo che rimango attaccata al buonumore, anche quando tutto sembra contro. Sarà per questo che credo che ce la faremo, ce la faremo come famiglia senza uno stipendio fisso, ce la faremo come regione travagliata da queste scosse, ce la faremo come paese, ce la faremo come generazione.

Ce la faranno anche gli amici, quelli che stanno lottando con cose molto più grandi e inenarrabili, ce la faranno perché ogni giorno scelgono: scelgono di resistere, di reagire, di sperare, di lottare, di VIVERE.

E così mi godo la mia vita che è aiutare nell’organizzazione di un evento gioioso come può essere una degustazione di vino che si trasforma in una piccola festa di quartiere, pensare alla presentazione del libro di un amico o allo spettacolo che ho scritto (e mi sono divertita a farlo) e che il prossimo fine settimana è a Roma, al fatto che sabato e domenica starò con molti bambini all’ospedale di Reggio Emilia (ReggioNarra) e a Quattro Castella a raccontare favole.

Mi godo la mia vita che è inventarsi ogni giorno lavoro e cercare di farlo bene e con soddisfazione per me e per gli altri, raccontando com’è lavorare in pantofole, quando hai l‘ufficio in casa, giocando con la mia bambina alle maestre piratesse, guardando non alla natura matrigna delle cose ma alle cose che posso fare per vivere pienamente ogni giorno.

Mi godo la vita che è andare a prendere una birra con i ragazzi del corso di alfabetizzazione ai social media finito ieri, pensando alla bellezza di conoscere persone nuove.

Insomma, ci sarebbe da piangere forse in tempi tanto bui, ma io non posso, non ci riesco.

E penso alle parole di una persona speciale che stamattina mi ha svoltato la giornata: “Noi siamo così” mi ha detto “viviamo la vita pienamente e a volte corriamo dei rischi, ma vuoi mettere che qualità? Bisogna andare verso la morte con il sorriso e la morte arriva per tutti prima o poi, sta a noi decidere come affrontare i giorni che ci separano da lei!”

E se hai la fortuna di conoscere persone così, come cazzo si fa a non vivere con il sorriso?


Articoli simili

9 COMMENTS

  1. per Jane Pancrazia, 22 maggio 2012

    Mi ci voleva proprio una lettura così, grazie!

    Rispondi
  2. per MAQ, 22 maggio 2012

    grazie Panz: come dice la Littizzetto, cerchiamo di essere vivi, da vivi!

    Rispondi
  3. per Lisa, 22 maggio 2012

    Brava, cara. Davvero ben detto. Perché, come diceva Yoda, è una questione di punti di vista. E’ vero che se mi guardo attorno mi do continuamente dell’incosciente e invece oggi ti ho letto e mi sono data ragione. Bisogna che sia incosciente perché non ho un altro modo di vivere, nel senso proprio nel termine. E la reazione al terremoto diventa dividersi i compiti con i vicini, se la scossa fa danni le mamme si occupano dei bimbi e del cane e gli uomini vanno a prendere la signora disabile e l’ottuagenario che non fa le scale. Altrimenti tutti sotto i letti e i tavoli e poi ci prendiamo un caffé per lo scampato pericolo. E oggi come ieri business as usual, e dentro business ci metti tutto. Grazie di questa foto.

    Rispondi
  4. per Cristina, 22 maggio 2012

    Grazie Francesca per le parole che hai scritto. Le ho condivise, mettendo una poesia di Rodari ‘in tema’ come incipit. La conoscerai senz’altro, ma te la riporto perchè sposa bene con il tuo buonumore resistente.
    Dopo la pioggia
    di Gianni Rodari

    Dopo la pioggia viene il sereno,
    brilla in cielo l’arcobaleno:

    è come un ponte imbandierato
    e il sole vi passa, festeggiato.

    È bello guardare a naso in su
    le sue bandiere rosse e blu.

    Però lo si vede – questo è il male -
    soltanto dopo il temporale.

    Non sarebbe più conveniente
    il temporale non farlo per niente?

    Un arcobaleno senza tempesta,
    questa si che sarebbe una festa.

    Sarebbe una festa per tutta la terra
    fare la pace prima della guerra.

    Rispondi
  5. per Francesca, 22 maggio 2012

    Che dire @panzallaria? Un bell’articolo, che carica il cuore di speranza e gioia di vivere. Anche quando le cose non vanno esattamente come dovrebbero.
    Con le tue parole non sprigioni ottimismo, ma consapevolezza. La consapevolezza di una donna che ha la sua famiglia da crescere, il suo lavoro con l’ #ufficioincasa che la soddisfa, che ha amici con cui farsi due risate e… cazzo, vuole godersele le sue cose. Fino in fondo. Ogni giorno.
    Grazie per avermi fatto riflettere per l’ennesima volta.
    Francesca

    Rispondi
  6. per Itmom, 23 maggio 2012

    Il mio pessimismo cosmico mi farebbe dire il contrario, però reagisco e anche io voglio vivere oggi la mia vita, voglio dare oggi un esempio ai miei figli, dare loro l’esempio che anche con le difficoltà bisogna andare avanti, senza trascinarsi, vivere ogni singolo istante, senza lamentele continue che non fanno altro che minare il nostro umore. Hai ragione, ci hanno dato la possibilità di vivere adesso in questo mondo e le difficoltà sono parte di questo mondo, come le guerre lo sono state dei nostri nonni o genitori, come le crisi economiche hanno minato le esistenze di tante epoche.

    Rispondi
  7. per Panzallaria, 23 maggio 2012

    care grandi donne che avete commentato fin qui, non vi rendete conto di quanto mi abbiano fatto bene, tipo benzina, i vostri commenti. Vi abbraccio tutte e ciascuna ;-) GRAZIE

    Rispondi
  8. per Virgy, 23 maggio 2012

    Ciao Panz’…grazie! Mi sento ancora sconvolta, quella scuola è vicino casa dei miei, quella fermata d’autobus migliaia di giorni fa è stata la fermata dove salivano alcune mie compagne del liceo….e poi andare a letto stravolti dalle dirette tv e dopo pochissime ore squassare il sonno perchè sembra di essere in barca…non capire se essere a Brindisi, a Firenze, a Palermo…da domenica brancolare tra le quotidiane attività (beato chi può riprendersi una routine!) coi pensieri confusi, le lacrime in tasca e la testa che gira…e poi trovare le tue parole, i tuoi pensieri e ricominciare a sperare, a sorridere, ad avere fiducia nel domani e apprezzare ancora di più ogni attimo che scorre…proprio in una data come quella di oggi….
    Grazie ancora, ti abbraccio.

    Rispondi
  9. per maura, 24 maggio 2012

    Controcorrente.
    Non ce la faccio. Abito o perlomeno abitavo a Finale Emilia. Ho una bimba di 4 anni e un piede in difficoltà per altre congiunture sfavorevoli.
    Io non ci riesco. Guardo avanti e non vedo. Sento solo la paura che sale insieme alle lacrime. Lo sai che non c’è niente di sicuro a questo mondo. Lo sa il tuo cervello. Auguro al vostro cuore di non impararlo mai.
    Passerà, perchè anche solo perchè il tempo passa. Ma per ora è veramente terrificante.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 agosto 1980

25 aprile

32 chili

32 chili in meno

40 anni

Abruzzo

acqua

adolescenti

adulti

agenda digitale bo

agenda digitale bologna

agendadigitalebo

Alessandra Frabetti

allergie

amicizia

amore

aneddoti

Anita Giovannini

anniversario

anno scolastico

antonio tabucchi

Aperti comunque

Arena del Sole

Art Hotel Orologio

ArtandSegafredo

artcity

artcitywhitenight

arte

arte e bambini

Arte Fiera

artefiera

articolo_stampa

artigianato

artisti

Austria

auto

babbo natale

babbo natale spiegato ai bambini

bambini

bambini in vacanza

Berluscolo

Berlusconi

Best Western

bicicletta

blog

blogaction

Bologna

Bolognawater

Bolognawaterdesign

Bologna_con_bambini

caccia

calzino_spaiato

cambiamenti

cambiamento

campeggio

camper

camperisti

canzoni

Carracci

cartine stradali

Casa Morandi

cazzeggio

cene_cibo

Cersaie 2013

cibo

ciccioni

cinghiale

cinghiali

citazioni

cittadinanza

cittàxbimbi

Coderdojo

colli

compleanni

compleanno

concita de gregorio

condanna

condivido in Rete

condominio

Condominio Bandiera

consumismo

contest

contro la violenza sulle donne

correre

corsa

cose belle

cose da vedere

creatività

Croazia

cronaca

croniche digitali

cultura

cultura digitale

cyberbullismo

danilo masotti

date_teatro

decisioni

decreto gelmini

degrado

democrazia

denti

dicerie

dicono_di_me

dieta

dietologa

digitale

dimagrire

dimagrire 28 chili

dimagrire molti chili

donna rettile

donnaéweb

donne

donne_lavoro

Einaudi

elezioni 2013

emilia

era dell'acquario

estate

Eventi

facciamoci avanti

Face Creative Link

facebook

famiglia

famiglie arcobaleno

fantastorie

favole

favole_bonsai

favole_politiche

feministcamp

figli

figli e asilo

figli e cibo

figli e giochi

figli e influenza

figli e nanna

figli e nido

figli e nonni

figurine

fitness

Forte dei Marmi

foto

fotoromanzo

Francesca Nanni

francesca sanzo

frollina

frollinese-italiano

frollinesque

fughino

generazioni internet

genitori

Genus Bononiae

GGD Bologna

Gianni Celati

giardinetti

giardino

ginopinorino

gioielli in legno

Giorgio Morandi

girl_geek_dinner

gloria bevilacqua

Golden Age

gossip

graffiti

grasso

gravidanza

Graz

guest post

guida

hosting

il mondo spiegato a frollina

il nostro primo camper

il_fatto

imparare ad andare in bici senza rotelle

in bicicletta

in radio

indicazioni stradali

inserimento

instagram

internet

interviste

invasioni digitali

invasionidigitali

invettive

io-emigro

ipocondria

Isa Grassano

ispirazione

Italia

La rivincita del calzino spaiato

lavorare_da_casa

Lavoro

legno

letizia atti

letteratura

lettere aperte

letterina_a_babbo_natale

lettori di blog

letture

Libera

libri

libro

Lido di Casalecchio

liquida.it

livetag

Loredana Lipperini

Lubiana

Lucio Dalla

lucio_dalla

macchina

made in Italy

maestri

mafalda

mafia

malmostblue

mambo

mamma

mamme

mamme blogger

manifatture

mantenimento

Marche

Maria Perosino

marketing

mast

matrimoni

mercatini

mercatino_di_panz

Milano

mio suocero

mistificazione

Molinella

mommyblogging

mondo_spiegato_a_frollina

Montombraro

mostre

musei

Museo del Patrimonio Industriale

Natale

Natale a Bologna

Navigare Sicuri

navigatore satellitare

neve

non ditelo ai grandi

nonditeloaigrandi

nonno

non_marito

NPDonne

Nuova scena

oggetti

ombelico

orribilia

ospedale

Palazzo Fava

palestra

pannolini

panzallaria

Paolo Nori

papillon legno

parco 11 settembre

parco Nicholas Green

parental control

partecipazione

parto

patrimonio culturale

pedagogia

pediatra

pensieri

persone

Piazza Maggiore

pic nic

Pietrasanta

Pimpa

piste ciclabili

plein air

podcast

poesia

politica

prendersi cura di se'

presentazioni

prima elementare

primavera

pubblicità_svilente

punto nero

quaderni

quartiere Saragozza

racconti

ragazza con l'orecchino di perla

rappresentanti di classe

rassegna stampa

rassegna_stampa

reading

recensioni

regali

resistenza

ricordi

riflessioni

rivoluzione

Roma

romanticismo

roulotte

rovescio

running

San Giorgio in Poggiale

san luca

San Possidonio

santa claus

Sauris

sbobinature

scelte sostenibili

sciopero_blogger

scritte

scrittura

scuola

scuola di scrittura emiliana

scuola elementare

scuole

scuole elementari

Segafredo

segnalazioni

serie_tv

server

settimana del libro e della cultura per ragazzi

shopping

Silvio Berlusconi

Simone Frabboni

smartwomen

social media

social network

solidarietà

sondaggione

sostenibilità

spettacolo

Stadio

start up

stazione di Bologna

stile di vita

storie

storie del quartiere

strage

sul web

surreale

tagbocamp

talenti

tdays

teatro

tentazioni

terremoto

terremoto_abruzzo

tesi

tino

topino dei denti

Trieste

tumblr

turismo

turismo in camper

twitter

ufficio in casa

università

uomini

uomo denim

usato_bambini

vacanze

vacanze free lance

vacanze_2010

vanna vinci

vecchiette

Vermeer

Viaggi

viaggi in camper

Vienna

vita

vita da camper

vita in camper

water

web

writers

wunderplaz

Zocca