L’era dell’Acquario

Scritto da Panzallaria   // 17 gennaio 2013   // 4 Commenti

E’ iniziata l’era dell’Acquario e a dire il vero io me la sento tutta addosso, tutta intorno.

E’ come se il mondo mi stesse dando dei segnali (e non solo alla sottoscritta) che dietro l’angolo aspettano cambiamenti, evoluzioni. Mi è tornata voglia di scrivere a mano e mi sono comprata un’agenda per riprendere quella mia vecchissima abitudine di tenere un diario autoreferenziale e ombelicale, solo per me.

Le persone a cui voglio bene prendono decisioni importanti e alcune di esse sembrano sinceramente ispirate da qualche illuminazione. Esco con le amiche e certe volte mi sento come in quelle serie che durano un sacco di puntate, ti affezioni ai protagonisti e a un certo punto c’è il finale e il finale è quasi sempre un “sei mesi dopo” e la voce narrante ti racconta cosa è successo ai personaggi principali e sono sempre robe che non ti aspetti.

Io sento che c’è qualcosa che deve evolversi ma ancora faccio fatica a focalizzare.

E’ qualcosa che ha che fare con la mia vita professionale e con quella creativa, che a volte si incontrano, a volte no. Ha a che fare anche con questo blog probabilmente, con la voglia di riprendere in mano il lato più narrativo, scrivere per il lusso di scrivere, senza altre finalità.

C’è anche il blog di mezzo, ma in realtà quel che è davvero centrale è la scrittura e il mio rapporto con essa. I tempi sono cambiati e ormai avere un blog è diventato molto più “professionale” che quando ho aperto Panzallaria. Per conto mio ho sempre difeso la libertà di questo spazio, rinunciando a banner e limitando la promozione solo alle cose che realmente mi piacevano (o alle mie).

Nel 2005 i miei post erano soprattutto racconti, nel 2013 il tempo è più tiranno e il lavoro è aumentato, così scrivere è diventato un lusso che mi concedo molto meno. Eppure quel lusso mi ha salvata in molte occasioni, dovrei lasciargli certamente più spazio: difficile quando ogni giorno devi tenere un occhio sui progetti in corso e contemporaneamente pensare a come sfangare (economicamente) l’anno, dove dirigerti, cosa fare.

Ma c’è qualcosa in fondo che mi chiama, lo rivivo nei sogni, specialmente dopo sabato sera. Sabato sera sono tornata a teatro a vedere il mio spettacolo, dopo un sacco di tempo e oltre al fatto che ogni volta mi diverto, mi sono sentita pungere da qualcosa: la voglia di ricominciare a raccontare, solo per il gusto di raccontare. Una storia, forse non più tanto la mia, ma sicuramente una storia.

Nel frattempo penso che in questo primo anno dell’Acquario, io divento una arzilla quarantenne e che professionalmente sono ancora tante le cose che devo e posso fare, che il web è un po’ birichino, come una lente di ingrandimento piantata su un punto nero: il punto nero sembra enorme visto da quella prospettiva, ma se guardi bene resta un misero e piccolo poro ostruito.

Mi sento come quel punto nero, diciamoci la verità: piccola, persa, con tante incertezze, con un lavoro che amo ma  potrebbe fruttarmi di più in termini sia economici che di soddisfazione. Mentre penso queste cose, nel frattempo, da fuori c’è qualcuno che mi percepisce come un punto nero enorme, una gran galla del web, ma non è mica vero, è solo che leggerle le persone su un blog le rende un po’ fiction, anche se sono dei punti neri.

Insomma, sento qualcosa che sta girando dentro, sento energia che si muove ma non ho ben capito in che direzione e se proprio devo pensare a degli obiettivi, i miei obiettivi per quest’anno sono cercare di interpretare quell’energia, capire in che direzione voglio muovermi per STARE BENE.

Perché se una cosa l’ho imparata, a quasi 40 anni, è che cercare di stare bene senza troppe pippe e sfinimenti, è una priorità fondamentale. Ogni tanto bisogna buttarsi a capofitto nelle cose, ogni tanto basta scrivere una storia o un post, altre volte serve pensare in grandissimo.

Io adesso non lo so. Come tutti i punti neri non vorrei essere schiacciata e nemmeno sommersa da un mare di topexan. Devo trasformarmi in qualcosa d’altro (fosse anche solo un brufolo purrolento) prima.

Ok, capisco che la filosofia del punto nero non è proprio il massimo, ma rende, per me rende in questo momento.

L’illuminazione arriverà, come è sempre successo. Voglio lasciarmi ispirare dall’amica che sta per cambiare città per amore e da quella che ha mollato un super lavoro per inseguire i suoi sogni.

E voglio imparare a leggere i segni. Perché ci sono, lo so, solo che al momento mi sento un po’ analfabeta.

Nel frattempo, caro cambiamento, non mi stritolare troppo: sono uno scorpione e come tale carica di ossessioni, manie e fortemente abitudinaria. Lasciami capire, respirare e ti asseconderò, stanne certo.


Tags:

cambiamento

era dell'acquario

ispirazione

Lavoro

ombelico

punto nero


Articoli simili

4 COMMENTS

  1. per Mammamsterdam, 18 gennaio 2013

    Ma guarda, qui uguale. Solo che il brufolo mi è scoppiato da dicembre in poi. E comunque io sono dei gemelli, noi arriviamo sempre quel paio di mesi prima.

    Tu aspetta e vedrai.

    Rispondi
  2. per Zia Silvia, 21 gennaio 2013

    tesoro, che bel post! È evidente, stai covando :-)

    Rispondi
  3. per Ari, 22 gennaio 2013

    E’ un post molto bello e intimisto. Lo leggerò di nuovo…

    Rispondi
  4. per Francesca, 26 gennaio 2013

    Sarai come la piuma di Forrest Gump, che ti lascerai trasportare da questa energia che senti… brava lasciati andare, tutto il resto verrà da solo. In bocca al lupo.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 agosto 1980

25 aprile

32 chili

32 chili in meno

40 anni

40 chili

Abruzzo

acqua

adolescenti

adulti

agenda digitale bo

agenda digitale bologna

agendadigitalebo

Alessandra Frabetti

allergie

amici

amicizia

amore

aneddoti

Anita Giovannini

anniversario

anno scolastico

antonio tabucchi

Aperti comunque

Arena del Sole

Art Hotel Orologio

ArtandSegafredo

artcity

artcitywhitenight

arte

arte e bambini

Arte Fiera

artefiera

articolo_stampa

artigianato

artisti

Austria

auto

babbo natale

babbo natale spiegato ai bambini

bambini

bambini in vacanza

Berluscolo

Berlusconi

Best Western

bicicletta

blog

blogaction

blogfest

Bologna

Bolognawater

Bolognawaterdesign

Bologna_con_bambini

caccia

calzino_spaiato

cambiamenti

cambiamento

campeggio

camper

camperisti

canzoni

Carracci

cartine stradali

Casa Morandi

cazzeggio

cene_cibo

Cersaie 2013

cibo

ciccioni

cinghiale

cinghiali

citazioni

cittadinanza

cittadinanza attiva

cittàxbimbi

Coderdojo

colli

compleanni

compleanno

concita de gregorio

condanna

condivido in Rete

condominio

Condominio Bandiera

consumismo

contest

contro la violenza sulle donne

correre

corsa

cose belle

cose da vedere

creatività

Croazia

cronaca

croniche digitali

cultura

cultura digitale

cyberbullismo

danilo masotti

date_teatro

decisioni

decreto gelmini

degrado

democrazia

denti

dicerie

dicono_di_me

dieta

dietologa

digitale

dimagrire

dimagrire 28 chili

dimagrire molti chili

donna rettile

donnaéweb

donne

donne_lavoro

Einaudi

elezioni 2013

emilia

era dell'acquario

estate

Eventi

facciamoci avanti

Face Creative Link

facebook

famiglia

famiglie arcobaleno

fantastorie

favole

favole_bonsai

favole_politiche

feministcamp

festa della rete

figli

figli e asilo

figli e cibo

figli e giochi

figli e influenza

figli e nanna

figli e nido

figli e nonni

figurine

fitness

Forte dei Marmi

foto

fotoromanzo

Francesca Nanni

francesca sanzo

frollina

frollinese-italiano

frollinesque

fughino

generazioni internet

genitori

Genus Bononiae

GGD Bologna

Gianni Celati

giardinetti

giardino

ginopinorino

gioielli in legno

giorgia vezzoli

Giorgio Morandi

girl_geek_dinner

gloria bevilacqua

Golden Age

gossip

graffiti

grasso

gravidanza

Graz

guest post

guida

hosting

il mondo spiegato a frollina

il nostro primo camper

il_fatto

imparare ad andare in bici senza rotelle

in bicicletta

in radio

indicazioni stradali

inserimento

instagram

internet

interviste

invasioni digitali

invasionidigitali

invettive

io-emigro

ipocondria

Isa Grassano

ispirazione

Italia

La rivincita del calzino spaiato

lavorare_da_casa

Lavoro

legno

letizia atti

letteratura

lettere aperte

letterina_a_babbo_natale

lettori di blog

letture

Libera

libri

libro

Lido di Casalecchio

liquida.it

livetag

Loredana Lipperini

lorella zanardo

Lubiana

Lucio Dalla

lucio_dalla

macchina

made in Italy

maestri

mafalda

mafia

malmostblue

mambo

mamma

mamme

mamme blogger

manifatture

mantenimento

Marche

Maria Perosino

marketing

mast

matrimoni

matrimonio

mercatini

mercatino_di_panz

Milano

mio suocero

mistificazione

Molinella

mommyblogging

mondo_spiegato_a_frollina

Montombraro

mostre

musei

Museo del Patrimonio Industriale

muta

narrazione

Natale

Natale a Bologna

Navigare Sicuri

navigatore satellitare

neve

non ditelo ai grandi

nonditeloaigrandi

nonno

non_marito

NPDonne

Nuova scena

oggetti

ombelico

orribilia

ospedale

Palazzo Fava

palestra

pannolini

panzallaria

Paolo Nori

papillon legno

parco 11 settembre

parco Nicholas Green

parental control

partecipazione

parto

patrimonio culturale

pedagogia

pediatra

pensieri

persone

Piazza Maggiore

pic nic

Pietrasanta

Pimpa

piste ciclabili

plein air

podcast

poesia

politica

prendersi cura di se'

presentazioni

prima elementare

primavera

pubblicità_svilente

punto nero

quaderni

quartiere Saragozza

racconti

ragazza con l'orecchino di perla

rappresentanti di classe

rassegna stampa

rassegna_stampa

reading

recensioni

regali

resistenza

ricordi

riflessioni

Rimini

rivoluzione

Roma

romanticismo

roulotte

rovescio

running

San Giorgio in Poggiale

san luca

San Possidonio

santa claus

Sauris

sbobinature

scelte sostenibili

sciopero_blogger

scritte

scrittura

scuola

scuola di scrittura emiliana

scuola elementare

scuole

scuole elementari

Segafredo

segnalazioni

serie_tv

server

settimana del libro e della cultura per ragazzi

shopping

Silvio Berlusconi

Simone Frabboni

smartwomen

social media

social network

solidarietà

sondaggione

sostenibilità

spettacolo

Stadio

start up

stazione di Bologna

stile di vita

storie

storie del quartiere

strage

sul web

surreale

tagbocamp

talenti

tdays

teatro

tentazioni

terremoto

terremoto_abruzzo

tesi

tino

topino dei denti

Trieste

tumblr

turismo

turismo in camper

twitter

ufficio in casa

università

uomini

uomo denim

usato_bambini

vacanze

vacanze free lance

vacanze_2010

vanna vinci

vecchiette

Vermeer

Viaggi

viaggi in camper

Vienna

vita

vita da camper

vita in camper

water

web

writers

wunderplaz

Zocca